La pillola magica non esiste: limitare i costi sanitari attraverso un programma di attività fisica assistita

Stiamo vivendo in un periodo storico dove, purtroppo, la terapia farmacologica sta prendendo il sopravvento su tutto.

Per “tutto” intendo dire che contro ogni logica (oltre che contro ogni conoscenza di base), si tende a cercare una soluzione ad eventuali problematiche e/o disfunzioni del nostro organismo attraverso un aiutino dall’esterno, la famosa PILLOLA MAGICA.

Purtroppo però la pillola magica non esiste e ora andiamo ad approfondire questo delicato e importante argomento anche attraverso l’evidenza che deriva dalla ricerca scientifica.

È risaputo (anche se troppo spesso dimenticato) che ci sono alcuni fattori dello stile di vita che determinano in modo netto ed inequivocabile lo stato di benessere e il corretto funzionamento della fisiologia di base del nostro corpo:

  • attività fisica
  • alimentazione
  • sonno/riposo

Probabilmente siamo tutti d’accordo su questo, vero? Bene.

 

E allora per quale strano motivo molte persone cercano rimedio con la pillola magica?

Per quale strano motivo siamo portati a pensare che la soluzione sia al di fuori di noi?

Ciascuno può trovare la risposta che preferisce. Qui ci limitiamo ad approfondire l’evidenza e parliamo quindi di ciò che funziona senza timore di essere smentiti.

Uno stile di vita attivo (esercizio fisico), una corretta alimentazione e una corretta gestione dello stress (strettamente collegato con la qualità del sonno), sono i fattori sui quali abbiamo controllo perché sono di nostra responsabilità.

Le difficoltà tipiche della quotidianità possono mettere in crisi la nostra capacità di gestione di questi fattori e in questo caso è necessario dotarsi di un sistema di organizzazione e monitoraggio in grado di guidarci in tal senso.

È evidente che, quando necessario, la medicina ha comunque il suo ruolo e talvolta può essere determinante. Tuttavia, nella stragrande maggioranza dei casi, l’errore che viene commesso è prima di tutto nell’ordine che viene dato agli interventi.

Mi spiego meglio.

Il primo intervento che dovrebbe essere fatto da chiunque consiste nel “sistemare” tutti i fattori che sono influenti sullo stile di vita. Già così le cose non possono che migliorare a prescindere da ogni altra considerazione.

Solo successivamente, e quando necessario, ecco che il supporto farmacologico (o di altro tipo) può sicuramente contribuire a risolvere situazioni già compromesse o comunque più complesse.

A parziale supporto di quanto affermato vi riporto di seguito uno studio scientifico molto interessante. Il titolo dello studio è lo stesso di questo articolo:

 

“Limitare i costi sanitari attraverso un programma di attività fisica assistita”

È il risultato di uno studio tutto italiano che ha valutato l’impatto che l’esercizio fisico ha sulla spesa sanitaria per i farmaci. All’interno del Centro Esercizio Vita di Ferrara sono stati presi 150 pazienti randomizzati e sono stati divisi in due gruppi. Il primo ha seguito la solita terapia farmacologica standard mentre al secondo gruppo è stato aggiunto dell’esercizio fisico costante. Dopo 9 mesi i risultati e quindi le conclusioni dello studio sono stati i seguenti:

“…il nostro studio mostra che l’attività fisica assistita praticata sulla base di un programma di esercizi, per un periodo di nove mesi, ha conseguenze complessivamente positive in termini di riduzione della spesa sanitaria e qualità della vita.”

Per la precisione, lo studio ha evidenziato un miglioramento dello stato di forma fisico e una riduzione della spesa per l’acquisto dei farmaci del 6,8%. Vi è dunque una correlazione diretta tra l’esecuzione di un programma di esercizio fisico assistito in pazienti affetti di malattie croniche e la riduzione della spesa sanitaria.

Per approfondire: https://onlinelibrary.wiley.com/doi/abs/10.1002/hpm.2596

Più in generale, l’intenzione di questo articolo di approfondimento è quella di portare l’attenzione su quei fattori che, se gestiti nel modo corretto, sono alla base del nostro stato di benessere e, perché no, del nostro stato di forma.

L’esercizio fisico come un farmaco, anzi molto meglio!

L’esercizio fisico garantisce senza ombra di dubbio un effetto positivo sul nostro corpo (come può fare anche un farmaco in taluni casi), ma con il vantaggio non indifferente di essere sostanzialmente privo di effetti collaterali (e qui invece nascono spesso i problemi dei farmaci).

Abbiamo già approfondito in un precedente articolo ciò che succede al nostro corpo durante i primi mesi di Allenamento (Sequenziale): http://allenamentosequenziale.com/ecco-cosa-succede-al-tuo-corpo-nei-primi-6-mesi-di-allenamento-sequenziale/

Di seguito un piccolo riepilogo di alcuni tra i principali di questi benefici, che sono stati ampiamente dimostrati dalla scienza:

  • È stato dimostrato che l’attività fisica regolare riduce il rischio di malattie, allungando di fatto la vita
  • È stato dimostrato che l’attività fisica migliora la tolleranza al glucosio e riduce il rischio di ammalarsi di diabete di tipo 2
  • Previene l’ipercolesterolemia e l’ipertensione e riduce i livelli della pressione arteriosa e del colesterolo e di conseguenza diminuisce anche il rischio di sviluppare diverse malattie cardiache, il rischio di morte prematura, in particolare quella causata da infarto e altre malattie cardiache
  • Previene e riduce l’osteoporosi e il rischio di fratture, ma anche i disturbi muscolo-scheletrici (per esempio il mal di schiena), aumenta la massa ossea sia in soggetti con densità ossea normale, sia osteopenici, diminuisce l’uso di analgesici e migliora l’abilità funzionale nelle attività della vita quotidiana
  • Riduce i sintomi di ansia, stress e depressione, facilita la gestione dell’ansia e delle situazioni stressanti
  • Previene i comportamenti a rischio come l’uso di tabacco, alcol, diete non sane e atteggiamenti violenti e favorisce il benessere psicologico attraverso lo sviluppo dell’autostima
  • Aumenta la resilienza allo stress, riduce l’ansia e il rischio di demenza, combattere la depressione e il cattivo umore
  • Protegge dall’Alzheimer e consolida la memoria a lungo termine

 

È evidente che molti di questi punti indicati nell’elenco sono direttamente collegati alla riduzione dell’utilizzo di farmaci e quindi alla limitazione in generale dei costi sanitari.

Ma come per tutti i farmaci, anche l’esercizio fisico ha bisogno di un dosaggio ben preciso. Troppo poco può essere inefficace, troppo (e/o fatto male) può essere dannoso. E questo “dosaggio” è proprio ciò che manca nelle forme di esercizio casuali e/o non monitorate e non personalizzate in funzione delle esigenze di una persona.

Ad esempio fare attività fisica quando si è già molto stanchi può causare un peggioramento della qualità del sonno e una alterazione dei centri nervosi della “fame-sazietà”, andando di conseguenza ad influire negativamente sul proprio stile alimentare.

Ancora una volta si chiude il cerchio: la corretta gestione dell’allenamento, dell’alimentazione e del sonno/riposo devono essere la nostra priorità per una migliore qualità della vita e per ottenere maggiori risultati anche da un punto di vista funzionale ed estetico.

 

Ecco quindi che, come dice il titolo di questo articolo, un “programma di attività fisica assistita” (e non casuale e/o privo di monitoraggio) può esserci di aiuto per esprime al massimo il nostro potenziale.

 

I percorsi di Allenamento Sequenziale sono organizzati per valutare, monitorare, correggere ed educare ad un miglioramento generale di tutti questi fattori al fine di ottimizzare non solo l’efficacia stessa degli allenamenti, ma più in generale la qualità della vita delle persone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altri articoli

Il vantaggio sleale dell’esercizio muscolare rispetto a quello aerobico

Quante volte hai sentito dire (e forse ti avranno pure consigliato personalmente) di seguire queste linee guida: diminuisci le calorie introdotte con l’alimentazione fai tanta …

LEGGI ARTICOLO

Il principio di adattamento. Senza di questo non raggiungerai mai nessun risultato

Una delle caratteristiche principali degli esseri viventi e che garantisce la sopravvivenza è la capacità di adattarsi alle diverse situazioni ambientali nelle quali ci si …

LEGGI ARTICOLO

Il principio di sicurezza. Come sbloccare i risultati per farli durare nel tempo

Sarebbe bello se esistesse una bacchetta magica in grado di materializzare ogni nostro desiderio. E questo vale anche per i risultati estetici e/o di performance …

LEGGI ARTICOLO